29 Maggio 2024

IL POSIZIONAMENTO DI MERCATO: COS’È E COME SI OTTIENE

Quando si parla di posizionamento del brand, o brand positioning, si intende la percezione della marca agli occhi del pubblico, come questa appare nella mente del consumatore, quali idee vi suscita, quale la sua reputazione, come si differenzia dagli altri. Ogni brand che si rispetti possiede almeno una caratteristica ineguagliabile che viene immediatamente associata al suo nome: merito esclusivo del posizionamento.

Inutile sottolineare l’estrema importanza del possedere un posizionamento che si distingua dai competitor. Un posizionamento corretto, infatti, non solo può condurre a un incremento costante di contatti e potenziali clienti, ma soprattutto aiuterà la tua attività a farsi strada fra la concorrenza.

Il positioning vale sia per i prodotti / servizi da lanciare ex novo sul mercato, sia per i prodotti / servizi da riposizionare correttamente perché non performanti in quel mercato: in questo caso si parla di repositioning.

Come si definisce correttamente il posizionamento di mercato?

Per definire un positioning adeguato sarà necessario definire e avere sempre ben presente i tuoi obiettivi, la tua vision e la tua mission.

Che differenza c’è fra le due? La prima è il tuo sogno imprenditoriale, ciò che vorresti la tua attività diventasse in futuro, mentre la seconda rappresenta i metodi che adotterai giorno per giorno per raggiungere quell’obiettivo.

Fra gli elementi della mission si trova anche il piano di comunicazione, che deve descrivere nel concreto gli strumenti, i canali e le tecniche che userai per raggiungere la vision, calendarizzandone le fasi di realizzazione.

Analisi del target e posizionamento

Un altro step fondamentale verso un corretto positioning è l’analisi del target: quale pubblico potrebbe trovarsi in linea col tuo brand e col posizionamento che vuoi andare a ricoprire? Ad esempio, se vendi chitarre potresti rivolgerti ai fan sfegatati del rock che hanno partecipato a ogni concerto dei Guns, oppure potresti rivolgerti ai neofiti che vogliono imparare a suonare dopo aver ascoltato la nuova hit spagnoleggiante su MTV. Concorderai con noi che c’è molta differenza!

Le cose cambiano anche a livello decisionale: nel primo caso potresti quindi posizionarti come un brand conoscitore della cultura rock vicino ai fan secolari, nel secondo caso potresti posizionarti come un brand ideale per l’approccio alla disciplina, vicino alle scuole di musica.

Le possibilità sono tantissime e devono essere in linea coi tuoi bisogni e con ciò che vendi. Cerca di specificare il tuo target il più possibile: immaginati il tuo cliente ideale, dagli un nome, mettine per iscritto il genere, l’età, gli interessi, la professione, immagina la sua giornata tipo. Sii chiaro, minuzioso, più che puoi: in questo modo avrai bene in mente a chi andare a comunicare, e ti sarà più facile verificare la riuscita delle tue azioni comunicative in fase di misurazione dei risultati.

Posizionamento e comunicazione

Un altro ingrediente fondamentale per il brand positioning è la definizione del tono di voce da usare nella tua comunicazione, che sarà un elemento chiave per costruire la tua immagine e reputazione.

Vuoi farti conoscere come un brand simpatico, che parla il linguaggio dei giovani e posta meme, o come un brand serio, che parla un gergo tecnico, pubblica video di approfondimento specifici e fa storytelling sui propri prodotti? Anche questo dipende dalle tue esigenze, ma è fondamentale definirlo e cercare di non discostarsi mai troppo dalla propria decisione, pena il confondere il pubblico fin lì acquisito.

Prendi pure spunto dai tuoi competitor con una ricerca di mercato, ma non copiarli mai in toto! Cerca sempre di distinguerti proponendo qualcosa di nuovo, anche solamente nella tua comunicazione.

Riuscire a far sì che il tuo cliente potenziale ti riconosca immediatamente è già una vittoria, anche senza averlo indotto a comprare, dato che ciò ti avvantaggerà incredibilmente nel momento in cui si troverà di fronte allo scegliere fra te o qualcun altro.

Fidelizzazione e posizionamento

Il posizionamento è importante anche per fidelizzare i propri clienti, per guadagnarsi la loro fiducia e portarli ad acquistare abitualmente il tuo prodotto o servizio. Il cliente che si affeziona è infatti il miglior cliente possibile: condivide i valori aziendali e diventa esso stesso ambasciatore del marchio, oltre a nutrire anche delle aspettative nei suoi confronti, da non illudere mai.

Tieni a mente che sarà necessaria molta pazienza perché ciò avvenga: il pubblico tende a preferire un brand conosciuto al momento dell’acquisto e spesso non ha interesse a investire il proprio denaro in qualcosa che non conosce.

Da ciò deriva l’esigenza di mettere in piedi un’efficace strategia di comunicazione incentrata, nelle prime fasi, sul creare consapevolezza del brand, la cosiddetta “awareness”. Ciò servirà a stimolare l’interesse dei follower e a “scaldarli” nella percezione che hanno della tua attività: punto di partenza obbligatorio che qualsiasi brand ha dovuto affrontare, anche i più famosi.

Conclusioni

Quindi, ricapitoliamo. Vuoi posizionare un nuovo prodotto? Per cominciare definisci una buona strategia di comunicazione completa di tutti gli argomenti che abbiamo affrontato, e ricordati di definire una strategia di digital marketing dove sceglierai gli strumenti digitali nel caso tu voglia utilizzare i canali online, e… sì, ti consigliamo vivamente di farlo. Ricordati di considerare l’attività di ufficio stampa e gli eventi nella sezione riguardante la comunicazione tradizionale.

Vuoi lanciare un nuovo marchio? Ripercorri i passi sopra indicati e ricorda che è di primaria importanza progettare anche la visual identity: l’aspetto estetico che vuoi dare al tuo brand (caratteristiche del logo, colori, packaging, design web ecc…).

Vuoi entrare in un nuovo mercato o rivedere il posizionamento del tuo prodotto/servizio sul mercato esistente? Effettua un’analisi dei competitor e componi la tua strategia di posizionamento rispettando i punti fondamentali.

Vuoi avere la conferma che il posizionamento del tuo brand sia corretto? L’autoconsapevolezza in questo caso è fondamentale. Poniti delle domande e cerca di ipotizzare quali potrebbero essere i punti deboli della tua strategia, ad esempio: è giusto il valore della mia offerta? Sto parlando alle persone adatte? Il pubblico a cui voglio rivolgermi mi conosce? Quali sono i miei vantaggi rispetto alla concorrenza? Li sto comunicando in maniera adeguata? Sto mantenendo il mio tono di voce in linea con la mia immagine? Dalle risposte riuscirai a farti un’idea più precisa della tua situazione di partenza, e ad aggiustare il tiro nel caso in cui ci siano discrepanze.

E se tutte queste domande ti fanno girare la testa, ricorda sempre che affidarsi a degli esperti è il modo migliore per ottimizzare i risultati: contattaci oggi stesso, fissa un appuntamento con noi senza impegno e scopri cosa possiamo fare per aiutarti a raggiungere il posizionamento ideale per il tuo prodotto o servizio!

...utlimi articoli

13 Dicembre 2023

COMUNICAZIONE AZIENDALE EFFICACE: DA DOVE PARTIRE
Introduzione In questa pratica guida scoprirai se stai davvero facendo tutto il necessario per comunicare efficacemente la tua azienda, il tuo prodotto o il tuo brand. Sia tu che noi...
Leggi Leggi

7 Febbraio 2024

COS’È E COME SI MIGLIORA LA BRAND AWARENESS
La brand awareness, o riconoscibilità del marchio, è uno degli indicatori di successo più importanti per qualsiasi azienda. Misura quanto un brand è conosciuto e riconosciuto, quanto è presente nella...
Leggi Leggi
Much more than
Much more than
Much more than
Contattaci via email, oppure lasciaci il tuo numero di telefono, ti richiamiamo noi!
Sarà un piacere conoscere la tua idea e capire insieme la strada più adatta a realizzarla!
CONTATTACICONTATTACI